In questi giorni, come spesso capita in questo periodo dell’anno, dilaga una brutta influenza che provoca nausea, vomito, diarrea e forti dolori di pancia. Gestire questi sintomi quando a soffrirne è un bambino non è semplice ed è certamente importante far vedere il piccolo ad un pediatra per farsi consigliare al meglio.

Un vecchio rimedio può però aiutarci a trapassare i tipici tre giorni in cui la malattia si sviluppa con più frequenza: già perchè è ormai dimostrato che  l’acqua calda non sia soltantoun rimedio della “nonna” ma uno strumento efficace contro il dolore dimostrato da uno studio  dall’University College di Londra.

Il calore dell’acqua – quando si hanno dolori allo stomaco – è in grado di attenuare il dolore, fungendo da antidolorifico naturale. Kanguru – che ha portato in Italia la famosa coperta con le maniche – oggi lancia sul mercato George, l’unica borsa dell’acqua calda che si può indossare, per quando il piccolo ha dolori di pancia e non vuoi somministrargli dei farmaci: è una boule che ricorda la morbidezza di un cuscino, ed soffice come un peluche da abbracciare per andare a nanna coccolati da una morbidezza calda calda.

George non è la tradizionale borsa dell’acqua calda rettangolare e dal colore assolutamente anonimo:  grazie ai suoi 75 cm di lunghezza, rompe 600 anni di tradizione e permette di scaldare contemporaneamente più parti del corpo, avvolgendolo.