Orecchioni

Una malattia molto diffusa tra i bambini è la parotite, conosciuta da tutti come “orecchioni”.
La sua causa principale risiede nella saliva che trasporta il virus che, a sua volta, può infettare diverse parti del corpo ed in particolare le ghiandole parotidee.

Quest’ultime si trovano tra la mandibola e l’orecchio e, in alcuni casi, possono gonfiarsi e provocare dolore.

La fascia di età che più contrae la parotite è solitamente quella tra i cinque ed i quattordici anni ma spesso sono anche gli adulti, scampati alla malattia nell’adolescenza, a contrarre il virus.
Meno frequentemente invece il problema colpisce bimbi al di sotto dell’anno di vita.

Fortunatamente una volta fatti “gli orecchioni” si diventa immuni ed è quindi impossibile averli una seconda volta. Se, pur avendo già fatto la parotite, notate del gonfiore nella zona dietro alla guancia controllate subito i denti!

SINTOMI:

primo avviso di una possibile parotite è la febbre alta, anche oltre i 39°.
Mancanza di appetito e mal di testa e, talvolta, vomito, torcicollo e nausea accompagnano l’alta temperatura.
A livello estetico e tattile potrete notare il gonfiore, con dolore annesso, delle ghiandole parotidee. Tale situazione continuerà per circa 2/3 giorni ed il dolore sarà più acuto nel parlare e nel mangiare.

COMPLICAZIONI:

Raramente la parotite può portare a encefalite, ovvero infiammazione del cervello, oppure a meningite,
infiammazione del rivestimento del cervello e del midollo spinale, ma, fortunatamente, tali complicazioni sono molto rare.

In adolescenti o maschi adulti gl orecchioni possono portare all’orchite, un’infiammazione dei testicoli. Dopo circa 10 giorni dalla parotite si verifica il gonfiore di un testicolo accompagnato da febbre, nausea e sintomi influenzali. Il dolore passerà in un periodo che varia da 3 giorni ad una settimana.

CONTAGIO:

Il contagio è molto frequente, il virus infatti può essere passato da starnuti, risate, tosse e contatto diretto (per esempio vestiti, cuscini..).

Chi contrae gli orecchioni resta contagioso da 2 giorni prima dell’inizio dei sintomi a 6 giorni dopo la loro scomparsa.
L’incubazione dura circa 2 settimane.

CURA:

La parotite non si cura con antibiotici, a consigliarvi la giusta prescrizione sarà il vostro medico di fiducia o pediatra che dovrete contattare appena pensate ci sia un caso di orecchioni in famiglia.