Il mondo intero sta vivendo giorni molti difficili ed ognuno di noi non deve rimanere fermo a guardare.
La Siria sta infatti attraversando un periodo di guerra che vede, come sempre accade in questi momenti, i bambini, le famiglie e tutti i civili tra le vittime impotenti della violenza.

Per sensibilizzare tutti i popoli su ciò che sta accadendo Papa Francesco ha lanciato un appello, un consiglio, per la giornata di Sabato 7 Settembre: digiuno (non totale ma limitato a pasti semplici ed essenziali) e preghiera.

A prescindere dal proprio credo religioso, l’invito proposto dal Vescovo di Roma può essere accolto da tutti e può essere vissuto come momento di maturazione personale e formazione anche per i più piccoli.

I genitori potranno infatti proporre ai propri figli un pranzo semplice e minimo spiegando loro cosa sta succedendo nel mondo, portando anche l’esempio di chi, come moltissimi bimbi siriani, non può vivere un pranzo sereno ed in famiglia e di quanto sia importante e di valore il momento della condivisione a tavola.

Non solo il prossimo sabato, ma costantemente, i genitori hanno il compito di dare grande importanza ai pranzi, alle cene, raccontando la propria giornata e facendo conoscere il passato dei propri cari.
Molti nonni potranno raccontare ai ragazzi la propria infanzia, ad esempio in tempo di guerra valorizzando, contestualmente, ciò che di grande possiamo vivere nella quotidianità.

Un ulteriore consiglio per tutte le mamme e per tutti i papà è quello di spegnere la televisione mentre si è a tavola. Parlate con i vostri bambini e lasciate spazio alla loro fantasia ed ai loro sogni che soo ciò che più li accomuna ai bimbi di tutto il mondo, anche quelli siriani.