Nonni baby sitter, la nuova moda.

Purtroppo la maggior parte dei genitori non hanno il tempo di poter accudire i figli per l’intera giornata, inoltre dover chiamare una baby sitter non sempre è facile per i portafogli delle famiglie.

Fortunatamente in moltissimi hanno i nonni disponibili ad accudire i piccini quando il genitore è impegnato e/o a lavoro. Questo tipo di soluzione certamente è veloce ed economica ma bisogna fare attenzione a non eccedere.

Per prima cosa la decisione di lasciare il bimbo ai nonni deve accontentare sia mamma sia papà altrimenti rischierebbero di nascere discussioni assolutamente evitabili.

Non ponetevi troppe domande del tipo “Lo vizieranno?”, “Il bambino non si attaccherà troppo a loro?”, “Riconoscerà la nostra ‘autorità’?”, ma siate voi a far sì che tutto ciò non accada.
Innanzitutto è bene ricordare che sono i genitori, e in particolare la mamma, le figure di riferimento più importanti per un figlio.

Ricordate però che, per non far eccedere i nonni nel controllo verso i nipoti, è consigliabile abituarli alla convivenza con gradualità.

Attrezzate la casa dei nonni con tutto ciò che serve per accudire il bambino e verificate che siano rispettate le norme di sicurezza.

Accordatevi con i nonni sin dall’inizio su alcuni comportamenti comuni da adottare (uso del ciuccio, del vasino, ritmi del sonno).

È importante riconoscere e apprezzare il loro aiuto e i loro sacrifici ma fate in modo che non prevarichino il vostro ruolo e non si sostituiscano a voi nell’educazione di vostro figlio.

Non approfittate della loro disponibilità, occupatevi del bambino per tutto il tempo che avete a disposizione dopo il lavoro, alternandovi con il papà: in questo modo lascerete ai nonni il tempo di riposare e al piccolo di godere anche della compagnia dei suoi genitori.