Purtroppo non tutte le mamme hanno la fortuna di poter allattare al seno i piccoli nuovi arrivati, ad altri neonati invece non basta il latte della mamma e necessitano di un’integrazione con il biberon.

Il punto di partenza in questi casi risiede nella sterilizzazione del biberon in modo da garantire un alimento totalmente equilibrato dal punto di vista nutrizionale e igienico.

Per prima cosa dovrete quindi lavare e risciacquare le mani accuratamente e, subito dopo, potrete procedere con alla preparazione utilizzando esclusivamente contenitori e tettarelle assolutamente sterili.
Per il benessere del neonato è bene utilizzare acqua oligominerale a basso contenuto di sali minerali (le bottiglie lo indicano, alcuna anche con un piccolo logo con il viso di un bimbo). Nell’etichetta il residuo fisso non deve superare 150 mg-litro e possibilmente inferiore a 50 mg-litro.

Appena saranno rispettati questi requisiti potrete versare la quantità richiesta di acqua calda nel biberon, necessariamente sopra ai 70°C.
Quando riempirete il misurino con il latte in polvere non pressatela lungo le pareti ma scrollatelo pian piano in modo da eliminare le eventuali sacche d’aria livellando, successivamente, la polvere, con la lama di un coltello.

Di norma verrà aggiunto un misurino di polvere ogni 30 grammi d’acqua versata nel biberon ed evitate sempre di modificare (dimezzare o raddoppiare) le dosi.

Appena il latte sarà pronto potrete chiudere, senza esercitare troppa forza, il biberon, in modo da non bloccare i meccanismi di valvole necessari per far passare l’aria che, al momento della poppata, favorirà il bambino.

Mescolate con cura il contenitore per evitare che restino grumi che potrebbero anche intasare la tettarella infine, prima di darlo al piccolo, ricordatevi di farlo raffreddare rapidamente sino a circa 37°, dopodiché potrete darlo subito al neonato.

Per testare la temperatura non dovrete assaggiare il preparato, bensì è bene versarlo sul dorso della mano e, una volta bevuto, se per caso un pochino avanzasse buttatelo via.

Non riscaldate né riciclate mai questo tipo di composto e non cercate di tenerlo al caldo in un thermos o nel biberon termico.