La bella stagione è finalmente iniziata e sole e caldo hanno iniziato a farsi sentire.
Una eccessiva esposizione solare però può causare danni talvolta irreparabili. Tra i rischi più gravi infatti spiccano i tumori della pelle nel bambino, che possono manifestarsi anche più tardi nel corso della vita.

È quindi non solo importante ma necessario, seguire sempre opportuni accorgimenti per proteggere i vostri figli dal sole, sin particolar modo quando vi trovate al mare o in montagna.

Per prima cosa non esponete mai al sole diretto i piccini sotto ai sei mesi di vita ed evitate, anche per voi, l’esposizione ai raggi solari tra le ore 11:00 e le ore 15:00, quando il sole è più alto e più aggressivo.

Cercate perciò di teneri i piccoli all’ombra, ad esempio sotto gli alberi o sotto l’ombrellone intrattenendoli con giochi, castelli di sabbia e libri.

Ricordatevi di non lasciare i bambini tutto il giorno con indosso il costume da bagno o, ancor peggio, senza vestiti.
Copritelo sempre con vestiti leggeri e larghi, come ad esempio un’ampia T-shirt con le maniche.

Ponete particolare attenzione nella copertura delle braccia, collo e schiena, mentre gioca:
queste zone sono quelle che si scottano più facilmente.

Fategli indossare un cappellino ‘da legionario’ o un cappello floscio con una larga visiera, in modo che gli faccia ombra su viso e collo (magari raffigurante uno dei suoi personaggi preferiti).
Usate sempre un filtro solare sulle zone esposte del corpo, anche nelle giornate nuvolose o con cielo coperto; utilizzate un fattore di protezione (SPF) uguale o superiore a 15, che agisca contro i raggi UVA e UVB, riapplicatelo spesso.

Proteggete gli occhi con occhiali da sole con filtro per raggi UV, garantiti da marchi di qualità e norme CE.
Usate una crema protettiva resistente all’acqua, se il vostro bimbo fa il bagno in mare.