Piccoli Steve Jobs crescono. Adesso computer e videogame non hanno più segreti, almeno per i più piccoli. Basta partecipare a uno dei laboratori che CoderDojo organizza puntualmente e gratuitamente in tutto il mondo. In Italia, l’appuntamento è a Milano il prossimo 12aprile, alle ore 9.30, presso il TalentGarden di Via Merano. Basta aver compiuto 7 anni e non superare i 17 per iscriversi. Al resto ci penserà Aurora, la protagonista di ChildofLight, un’opera d’arte videoludica, che accompagnerà e ispirerà i giovani partecipanti nella loro prima creazione digitale.

“Non comprate un nuovo videogame, fatene uno. Non scaricate l’ultima applicazione: disegnatela. Non limitatevi a usare il vostro telefono: programmatelo”. È così che Barack Obama si è di recente rivolto agli studenti americani. Un chiaro invito ad essere protagonisti delle propria vita e delle proprie passioni. Ed è questo lo scopo dell’evento targato CoderDojo e Ubisoft. Dare in pasto ai nativi digitali la loro pietanza preferita, cioè gli strumenti per imparare sin da piccoli a dar vita ai propri sogni. E creare un videogame diventa così un gioco da ragazzi, a tutti gli effetti.

Ma cos’è CoderDojo? In poche parole, si tratta di un movimento senza scopo di lucro che si occupa di istituire dei club in giro per il mondo (solo in Italia sono presenti in 20 città) per organizzare incontri e corsi gratuiti dedicati ai bambini di età compresa fra i 7 e i 17 anni, dove imparare a programmare e dar vita al loro videogame.

Special guest delle giornata sarà Child of Light, l’unico videogame in grado di condensare poesia e atmosfere tipiche delle favole con una storia fantasy avvincente e il ritmo di un gioco di ruolo. Un’esperienza unica, capace di conquistare tanto i bambini quanto gli adulti, ridefinendo i canoni delle fiabe del terzo millennio. Genitori e figli avranno quindi il privilegio di provare in anteprima assoluta il tanto atteso videogame, disponibile a partire dal prossimo 30 aprile per Pc, Xbox® 360, Xbox® One, PlayStation® 3, PlayStation® 4 e Wii U™.

E non solo: i futuri creatori di videogame potranno contare sul supporto della piccola e intrepida Aurora. La protagonista di Child of Light infatti, sarà il personaggio principale del videogioco che i bambini programmeranno con il supporto degli espertissimi tutor CoderDojo.

Ma perché proprio Child of Light? Semplice, perché non si tratta di un banale videogame, ma di una vera e propria opera d’arte videoludica fruibile da tutti: genitori e figli, appassionati e neofiti. Da fine aprile, papà o mamma potranno tranquillamente giocare con il proprio bambino, così come l’appassionatissimo gamer con la fidanzata. I primi indosseranno i panni di Aurora, sfidando ogni avversario a spada tratta, gli altri invece, impegnati nelle vesti dell’inseparabile lucciola Igniculus, la aiuteranno a superare ogni ostacolo, con una modalità di gioco perfettamente studiata per offrire anche ai più piccini un’esperienza da favola. C’è una sola regola da rispettare e la detta CoderDojo: “Sii in gamba! Fare il bullo, mentire e far perdere tempo non è da persone in gamba”.

L’appuntamento imperdibile per i creatori di videogiochi in erba è quindi sabato 12 aprile, a partire dalle ore 9.30, presso il Talent Garden di Via Merano, 16, a Milano.