Cambiare il pannolino. Quando e quante volte?

I piccini devono essere cambiati ogni volta che il pannolino è molto bagnato oppure dopo che ha fatto la cacca.

I pannolini più pratici e più utilizzati sono certamente quelli monouso e ricordatevi che l’operazione del cambiare il bimbo vi vedrà impegnati molte volte durante la giornata, nelle prime settimane addirittura 10/12 volte.

In queste occasioni lasciateli sgambettare liberi e fateli divertire cantando qualche canzoncina o recitando delle simpatiche filastrocche.

Vedrete che così facendo questa operazione diventerà un momento simpatico e di relazione tra genitori e figli.

Come riconoscere se “ciò che si trova nel pannolino” è senza problemi?

Nei primi tempi la pupù del bambino deve essere consistente e di colore nero verdastro (chiamate meconio).
Se i neoarrivati vengono allattati al seno le feci diventeranno di colore giallo o giallastro, o ricoperte da una patina verde e, se rimangono nel pannolino a lungo, di consistenza molle, con odore acido.

Se il vostro piccolo è alimentato invece con il latte artificiale la cacca sarà più compatta, di colore giallo chiaro tendente al grigiastro o anche al marrone-verde.

Nel passaggio dal seno al biberon le feci diventano più scure e pastose.
Con il passare dei giorni le feci del vostro bambino probabilmente varieranno. Ma se notate un marcato cambiamento nella consistenza (molto liquide o al contrario particolarmente dure), un colore insolito (feci molto chiare o color caffè) o se vi è presenza di sangue, avvisate immediatamente il pediatra.

Quante volte farà la pupù il piccolino?
Il numero di volte in cui il bambino farà la cacca è estremamente soggettivo:
ci sono bambini che si scaricano dopo ogni poppata, altri a intervalli di 2-3 giorni, specie se allattati al seno.
Entrambe le situazioni sono del tutto normali. Spesso i bambini si “innervosiscono” al momento della scarica e piangono. Il vostro bambino non è stitico se le sue feci sono soffici, anche se non ha evacuato per alcuni giorni.